header post

Tartaruga di terra in giardino: come prendersene cura

Possiamo tenere una tartaruga di terra in giardino? Partiamo da questo interrogativo per scoprire insieme alcune curiosità su questi animaletti, ma soprattutto capire se è lecito farlo e quali sono i passi da compiere per assicurargli un ambiente idoneo alla sua sopravvivenza. Non molti sanno che la tartaruga di terra è un animale longevo, può vivere molto a lungo, fino 150 anni, ed ha bisogno di cure e attenzioni particolari. Per prima cosa dobbiamo dunque informarci bene sulle esigenze del nostro amico a quattro zampe, in modo da poter offrirgli il gomitolo d’erba giusto e la casetta adatta alle sue dimensioni. Ma non solo: anche la dieta della tartaruga va pensata con attenzione, visto che si tratta di un rettile vegetariano che necessita di fibre e vegetali per stare bene. In quest’articolo andremmo dunque a scoprire tutte le curiosità sulle tartarughe di terra, includendo anche alcuni consigli pratici su come prendersene cura nel miglior modi.

Cos’è una tartaruga di terra?

Le tartarughe di terra, come suggerisce il nome, vivono per la maggior parte della loro vita sulla terraferma. A differenza di altri rettili che possono nuotare bene e trascorrere molto tempo nell’acqua, le tartarughe di terra sono creature che si muovono principalmente a quattro zampe. Le tartarughe di terra sono state sulla Terra per molto tempo e sono state osservate da molti eruditi e studiosi. I primi fossili risalgono a circa 200 milioni di anni fa e si ritiene che le tartarughe di terra siano imparentate con i crocodili. Le tartarughe di terra sono animali che vivono in ambienti caldi e umidi, come i tropici e le aree subtropicali. Possono essere di diverse dimensioni, ma la maggior parte delle specie è abbastanza piccola e può pesare da 2 a 50 kg. Sono creature dalla shell dura e hanno una testa allungata con un becco affilato. Le loro zampe sono adatte per la terraferma, ma non per nuotare, quindi se cadono in acqua non sono in grado di tornare a riva. Le tartarughe di terra sono onnivore e si nutrono principalmente di insetti, vermi e altri piccoli animali che trovano sul terreno. Alcune specie sono erbivore e si nutrono di foglie, radici e altre piante. Le tartarughe di terra sono animali solitari e trascorrono la maggior parte della loro vita da soli. Si incontrano solo per accoppiarsi e quindi ognuno va per la sua strada. Le tartarughe di terra depongono le uova sul terreno, nella sabbia o nella vegetazione. Le tartarughe femmine possono deporre da 2 a 50 uova alla volta e queste uova incubano da 2 a 4 mesi prima che i piccoli tartarughini emergano. I piccoli sono indifesi e vulnerabili quando nascono e devono fendere il mondo da soli. Le tartarughe di terra sono animali affascinanti che hanno un aspetto particolare e un modo unico di vivere. Se sei interessato ad averne una come animale domestico, assicurati di fare molta ricerca perché hanno bisogno di cure specifiche per sopravvivere.

tartaruga di terra in giardino

Quanto vive una tartaruga di terra?

La maggior parte dei piccoli non sopravvive a lungo, ma coloro che ce la fanno possono vivere a lungo. Che sia una tartaruga di terra tenuta in giardino o selvatica, questi animali (le specie più grandi) normalmente vivono in media dai 30 ai 150 anni. Le specie più piccole hanno una aspettativa di vita intorno ai 40-50 anni.

Mantenere una tartaruga terrestre in giardino

Una tartaruga terrestre può mangiare una dieta a base di insetti, erbe e vermi. Se non è possibile nutrirla con questi alimenti, è possibile alimentarla con una dieta commerciale per tartarughe terrestri. In ogni caso, è importante fornire alla tartaruga cibo fresco e pulito e assicurarsi che l’acqua sia pulita e fresca. Insetti Gli insetti sono una parte importante della dieta di una tartaruga terrestre. Puoi darle insetti vivi o morti, ma dovrai assicurarti che siano di piccole dimensioni in modo che la tartaruga possa mangiarli facilmente. I migliori insetti per le tartarughe terrestri sono:

  • Formiche
  • Grilli
  • Cavallette
  • Saltamartini
  • Mosche
  • Cimici
  • Ragni
  • Vermi

Se opti per gli insetti vivi, dovrai allevarli in anticipo in modo da avere una scorta costante di insetti per la tua tartaruga. Ci sono diverse opzioni per l’allevamento degli insetti, quindi scegli quella che preferisci. Un modo per allevare insetti è quello di comprare un kit per l’allevamento degli insetti. Questi kit sono disponibili in molti negozi di animali e contengono tutto il necessario per allevare gli insetti. Un’altra opzione è quella di allevare gli insetti all’aperto in un giardino o in un cortile. Se opti per questa opzione, dovrai tenere d’occhio gli insetti in modo che non vengano mangiati da altri animali o da uccelli. Dovrai anche fare attenzione a non far scappare gli insetti. Se allevi gli insetti all’aperto, dovrai nutrirli con verdure e frutta fresca. I migliori alimenti per gli insetti sono lattuga e carota.

Curiosità e caratteristiche della tartaruga di terra

Le tartarughe di terra sono una specie molto diffusa in giardino, ma sono anche animali che necessitano di particolari cure. In questo capitolo vogliamo darvi alcuni consigli su come prendervene cura e su come scegliere il giusto tipo di tartaruga per il vostro giardino. Le tartarughe di terra sono animali che trascorrono la maggior parte del tempo a terra, per questo motivo è importante che il loro ambiente sia adatto alle loro esigenze. Per prima cosa, dovrete scegliere una tartaruga di terra che sia adatta alle dimensioni del vostro giardino. Se avete un giardino piccolo, optate per una tartaruga di dimensioni ridotte. Inoltre, dovrete tenere in considerazione il tipo di terreno che avete nel vostro giardino. Se è molto duro, optate per una tartaruga che non abbia bisogno di scavare molto per vivere bene. Quando sceglierete la tartaruga, dovrete anche considerare il suo stile di vita. Se non avete intenzione di mettere una tartaruga in un laghetto o in un altro ambiente acquatico, allora dovrete optare per una tartaruga di terra. Una volta che avrete scelto la tartaruga, dovrete procurarvi il cibo adatto. Le tartarughe di terra si nutrono principalmente di insetti e vermi, ma possono anche mangiare altri piccoli animali, dovrete procurarvi una ciotola in cui mettere l’acqua perché le tartarughe ne hanno bisogno per bere e per lavarsi. Infine, è importante sapere che le tartarughe di terra sono animali solitari e non amano la compagnia. Per questo motivo, dovrete scegliere una sola tartaruga per il vostro giardino.

tartaruga in giardino

L’habitat delle tartarughe di terra

Le tartarughe di terra sono molto diffuse nei giardini di tutta Italia e si tratta di animali davvero molto affascinanti. Spesso però non si conosce bene questa specie e si commettono errori che possono mettere a rischio la loro salute. Per questo è importante informarsi bene prima di decidere di accudire una in giardino. Le tartarughe sono principalmente di due specie: la Testudo hermanni, detta anche tartaruga d’acqua o comunemente tartaruga comune e la Testudo graeca, detta anche tartaruga greca o comunemente tartaruga mediterranea. Queste ultime sono tartarughe protette, per cui è importante informarsi bene prima di acquistarne una. La tartaruga d’acqua è originaria dell’Italia meridionale e della Sicilia, mentre la tartaruga greca è originaria delle coste del Mediterraneo orientale. Le due specie sono molto simili, ma presentano alcune differenze sia nell’aspetto che nelle abitudini. La tartaruga d’acqua è una tartaruga dal carapace molto robusto e di colore scuro, generalmente verde o marrone. Il carapace può raggiungere i 30 cm di lunghezza e pesare fino a 5 kg. La tartaruga greca invece è una tartaruga dal carapace meno robusto e di colore più chiaro, generalmente giallo o arancione. Il carapace può raggiungere i 25 cm di lunghezza e pesare fino a 3 kg. Queste tartarughe sono principalmente vegetariane e si nutrono di erbe, foglie e fiori. Tuttavia, la dieta della tartaruga d’acqua può essere più variata rispetto a quella della tartaruga greca e può includere anche piccoli invertebrati come lumache e insetti. Le tartarughe sono animali che amano il sole e hanno bisogno di temperature elevate per sopravvivere. In natura vivono nelle regioni meridionali d’Italia, ma possono essere facilmente allevate anche nelle regioni del nord. In giardino è importante creare un ambiente che replichi il più possibile le loro condizioni naturali, in modo da garantire loro un ambiente confortevole e salutare. Per fare questo è importante scegliere un’area soleggiata del giardino in cui posizionare la loro casetta o il loro recinto. La casetta deve essere ben ventilata e avere un’ampia porta per permettere loro di uscire quando vogliono. Il recinto invece deve essere alto almeno 60 cm e dotato di una copertura per proteggerle dai predatori e dal sole eccessivo. All’interno del recinto è importante posizionare anche una vaschetta d’acqua in cui possano immergersi quando lo desiderano. Le tartarughe sono animali che possono vivere anche molto a lungo se allevate nelle giuste condizioni. La loro aspettativa di vita media in natura è di circa 30 anni, ma in cattività possono vivere anche 40 o 50 anni. Per questo motivo è importante impegnarsi fin dall’inizio per fornire loro tutto il necessario per una vita sana e confortevole.

Le migliori casette per tartarughe di terra e per il letargo

Tartarughe di terra come tenerle nel recinto in giardino

Il giardino è il posto ideale per mantenere una tartaruga di terra. In natura, questi animali trascorrono la maggior parte del tempo a scavare e a cercare di cibo. Un giardino fornisce l’ambiente perfetto perché possano farlo in totale libertà. Sebbene le tartarughe di terra siano animali molto resistenti, è importante fornire loro un ambiente che rispetti alcune semplici regole igieniche e che sia adatto alle loro esigenze. Innanzitutto, è importante assicurarsi che il recinto in cui verrà ospitata la tartaruga sia sufficientemente grande. Deve essere almeno tre volte la lunghezza della tartaruga e due volte la larghezza. Questo perché le tartarughe di terra sono animali molto attivi e hanno bisogno di molta spazio per muoversi. Inoltre, il recinto deve essere situato in un’area soleggiata in modo che la tartaruga possa prendere il sole. Le tartarughe di terra sono infatti animali che necessitano di molta luce per mantenersi in salute. Il recinto dovrà essere dotato di una zona umida e di una zona asciutta. La zona umida dovrà essere fornita di una vaschetta piena d’acqua in cui la tartaruga possa fare il bagno e un’area erbosa in cui possa pascolare. La zona asciutta dovrà invece essere dotata di un riparo in cui la tartaruga possa rifugiarsi quando fa troppo caldo o quando piove. È importante che il recinto sia ben areato e che non vi siano correnti d’aria. Le temperature ideali per le tartarughe di terra sono comprese tra i 20 e i 30 gradi. Durante i mesi più freddi, è importante assicurarsi che il recinto sia ben riparato dal vento e dalle correnti d’aria. Inoltre, è importante fornire alla tartaruga un rifugio in cui possa rifugiarsi quando fa troppo freddo. Se le temperature dovessero scendere al di sotto dei 10 gradi, è importante assicurarsi che la tartaruga abbia accesso a una fonte di calore, come un raggio di sole o una lampada a infrarossi. Le tartarughe di terra sono animali onnivori e si nutrono sia di vegetali che di carne. I vegetali devono costituire la base della loro dieta ed è importante fornire alla tartaruga un’ampia varietà di verdure fresche e pulite. Le verdure che possono essere offerte alle tartarughe sono spinaci, broccoli, cavoli, carote, zucchine, lattuga e fagiolini. È importante assicurarsi che le verdure siano ben lavate e che non contengano residui di pesticidi o altri prodotti chimici. Per quanto riguarda la carne, è importante fornire alla tartaruga carne fresca e magra. La carne può essere offerta sia cruda che cotta, ma è importante assicurarsi che sia ben lavata e pulita prima di essere data alla tartaruga. La carne può essere offerta in piccole quantità un paio di volte a settimana. In alternativa, è possibile acquistare del cibo per tartarughe commercialmente preparato, ma è importante assicurarsi che sia a base di carne magra e fresca. Le tartarughe di terra sono animali molto resistenti, ma è importante prestare attenzione ai segnali che possono indicare che non stanno bene. I segnali da non sottovalutare sono apatia, mancanza di appetito, respiro affannoso, occhi rossi o infiammati e secrezioni nasali o oculari anomale. Se si notano questi segnali, è importante contattare immediatamente un veterinario specializzato in rettili.

tartaruga di terra

Letargo della tartaruga di terra

In natura, le tartarughe di terra vivono una vita sottotono, principalmente nelle regioni a clima temperato. D’estate, quando le temperature sono più calde, escono dal letargo e si nutrono di piante e di insetti. D’inverno, quando le temperature sono più fredde, tornano nel letargo e si nutrono di radici e di funghi. Le tartarughe di terra hanno una cosa in comune con i serpenti: entrambi trascorrono la maggior parte della loro vita sottoterra. L’unica differenza è che le tartarughe hanno bisogno di uscire dal letargo per nutrirsi, mentre i serpenti possono sopravvivere anche se non si nutrono per mesi. Le tartarughe di terra sono creature solitarie e non amano la compagnia. Non si avvicinano mai agli altri della loro specie, a meno che non siano in calore. Quando le tartarughe si accoppiano, la femmina depone circa 10-12 uova, che poi copre con la terra prima di lasciare il sito. I giovani nascono dopo circa 2 mesi e mezzo e sono completamente autonomi dalla nascita. La tartaruga di terra è un animale notturno e trascorre la maggior parte del tempo sottoterra in una tana che scava con le zampe anteriori. Le tane sono generalmente situate in zone umide, come vicino a un fiume o a un lago. In inverno, le tartarughe di terra entrano in una sorta di letargo chiamato estivazione, in cui il loro metabolismo rallenta fino a quando non tornano temperature più miti. Durante il letargo, le tartarughe non si muovono e non mangiano, ma si limitano a dormire. Le tartarughe possono dormire per mesi o addirittura per anni, fino a quando non tornano temperature più miti. Non è chiaro perché le tartarughe di terra entrano in estivazione, ma si pensa che sia un modo per loro di sopravvivere a periodi di scarsa disponibilità di cibo. Le tartarughe di terra sono animali molto longevi e possono vivere fino a 50 anni o più in natura. Tuttavia, la longevità media delle tartarughe di terra in cattività è molto più bassa, poiché devono affrontare numerose malattie e infestazioni parassitarie. Se si prende cura adeguatamente di una tartaruga di terra, può vivere fino a 30 anni in cattività.

tartarughe

Consigli alimentari per l’allevamento di una tartaruga di terra in giardino

Innanzitutto, se si vuole allevare una tartaruga di terra in giardino, bisogna ricordare che questi animali sono erbivori e quindi è importante fornire loro una dieta a base di vegetali. Si può optare per l’acquisto di cibo specifico per tartarughe nei negozi specializzati, ma è possibile anche realizzare un mix di erbe e verdure fresche da somministrare alla tartaruga. In particolare, le tartarughe di terra gradiscono il tarassaco, il trifoglio, la borragine, il cardo, la dalia, il dente di leone, il girasole, il mais, il porro, la rucola, il sedano, la carota, il cetriolo, la lattuga e il pomodoro. Quando si sceglie il cibo per la tartaruga, è importante optare sempre per prodotti freschi e di qualità. Le tartarughe di terra, infatti, sono animali molto sensibili e potrebbero ammalarsi facilmente se alimentate con prodotti scadenti o in cattive condizioni. Per evitare problemi di salute alla vostra tartaruga di terra, quindi, è importante scegliere con cura il suo cibo e assicurarsi che sia sempre fresco e di ottima qualità.

Cibo per la tartaruga di terra

Bestseller No. 1
RAFFY Vital ml.250 Sera
  • mangime per tartarughe
Bestseller No. 2
Lucky Reptile Tortoise Mix 800g vegetale e ricco di fibra grezza - Miscela di erbe di prato con carote e fiori di calendula - per tutte le tartarughe di terra e i rettili erbivori
  • SANO - Ricco di proteine naturali e minerali grazie al processo di spremitura a freddo. Particolarmente ricco di fibra grezza e alimentare per una buona digestione e un carapace liscio.
OffertaBestseller No. 3
Sera, Professional Herbivor, Cibo Per Rettili Erbivori, 330 grami
  • Mangime complementare composto da granuli galleggianti bicolori
OffertaBestseller No. 4
Bestseller No. 5
Sera Reptil - Herbivor Nature Food, 80g
  • Mangime complementare composto da granuli galleggianti bicolori

Normativa e legislazione per tenere una tartaruga di terra

In Italia, le tartarughe di terra sono protette dalla legge 157/92, che all’articolo 2, comma 1, lettera d), vieta la cattura, il detenzione e il commercio di animali selvatici. Pertanto, tutte le tartarughe di terra che si trovano in natura sono animali selvatici e protetti. In base alla legge, è possibile detenere una tartaruga di terra soltanto se l’animale è stato catturato prima del 1992 o se si tratta di un esemplare nato e cresciuto in cattività. Inoltre, per detenere legalmente una tartaruga di terra è necessario che l’animale sia iscritto all’anagrafe degli animali d’affezione presso il Comune di residenza del proprietario. Per poter iscrivere la tartaruga all’anagrafe degli animali d’affezione sarà necessario presentare al Comune un certificato di idoneità rilasciato da un medico veterinario e un certificato di origine dell’animale. Il certificato di idoneità deve attestare che l’animale è in buone condizioni di salute e che non è pericoloso per la salute pubblica. Il certificato di origine deve invece attestare che l’animale è stato catturato prima del 1992 o che si tratta di un esemplare nato e cresciuto in cattività. Una volta ottenuti i due certificati, sarà necessario compilare il modulo di iscrizione all’anagrafe degli animali d’affezione e presentarlo al Comune insieme ai due certificati. Il Comune provvederà quindi ad iscrivere l’animale all’anagrafe e rilascerà un libretto sanitario in cui saranno riportati i dati relativi all’animali e alle sue vaccinazioni. Il libretto sanitario dovrà essere presentato al medico veterinario ogni volta che si dovrà vaccinare l’animale o quando si dovranno effettuare altri controlli di salute. Inoltre, sarà necessario presentarlo al Comune ogni volta che si dovrà cambiare residenza o proprietario dell’animale. Una volta iscritta all’anagrafe degli animali d’affezione, la tartaruga di terra potrà essere detenuta legalmente dal proprietario e non sarà più considerata un animale selvatico.

Spero che abbiate imparato molto su questi affascinanti animali e su come prendervene cura. Non è sempre facile, ma se vi impegnate e seguite i nostri consigli, allora siete sulla buona strada per avere una tartaruga di terra sana e felice nel vostro giardino. Ricordate, le tartarughe di terra sono animali selvatici e come tali hanno bisogno di un ambiente naturale per vivere bene. Non dimenticate mai questo e cercate di fornire loro il più possibile un habitat naturale. Inoltre, le tartarughe di terra sono animali sociali e come tali hanno bisogno di altri della loro specie per sentirsi a proprio agio. Se ne avete la possibilità, quindi, cercate di tenerne almeno 2 o 3 insieme. Infine, le tartarughe di terra sono animali a sangue freddo e hanno bisogno di un ambiente caldo per vivere bene. Quindi, se vivete in un clima freddo, assicuratevi di fornire loro un rifugio caldo dove possano nascondersi durante i mesi invernali. Seguendo questi semplici consigli, siamo certi che riuscirete a prendervi cura al meglio delle vostre tartarughe di terra e che queste vi regaleranno molti anni di gioia e divertimento.