Il pesce pene esiste per davvero?

L’Urechis Unicinctus è il nome scientifico di un animale che negli ultimi tempi è stato oggetto di una campagna quasi virale sui social network, definito come pesce pene, per la sua forma singolare che lo rende simile all’organo genitale maschile.
Di seguito andremo a scoprire cos’è esattamente e quali sono le caratteristiche che lo hanno reso oggetto di tanto interesse nell’immaginario collettivo.

pesce pene

Cos'è il pesce pene

Il pesce pene è un termine comparso su internet nel 2019, quando il network venne invaso da diverse fotografie di uno strano evento naturale avvenuto sulle Drakes Beach in California, dove erano stati avvistati migliaia di questi esemplari sul bagnasciuga.
Ma cos’è esattamente il pesce pene? La realtà è che la definizione di “pesce” non è precisa, in quanto fa parte della famiglia dei vermi, e quindi un invertebrato, per questo identificato dai biologi come verme locandiere.
Un invertebrato che costruisce tane nel fondale marino e che compare in rare occasioni sulle spiagge a causa delle forti correnti oceaniche generate dalle tempeste.

Quali sono le caratteristiche del pesce pene?

Ma perché viene chiamato pesce pene? Se lo si osserva anche solo di sfuggita non si può fare a meno di notare una somiglianza precisa con l’organo sessuale maschile, da cui l’accostamento del nome non scientifico. Vediamo quali sono le sue caratteristiche che lo rendono così simile da prenderne addirittura il nome:

  • forma: ha una lunghezza che va dai 10 cm ai 30 cm e un corpo affusolato dello spessore proprio di un pene con una pelle morbida e uniforme senza presenza di anelli. Inoltre si presenta con un leggero ingrossamento nella parte vicina alla bocca che si compone di una stretta fessura, simile al glande. Infine può avere anche delle protuberanze nella parte posteriore.
  • colore: anche la colorazione ripropone l’idea di un pene, con una base giallognola e rosacea, molto simile a quella della pelle umana.
urechis unicinctus

Curiosità sul pesce pene: l'habitat e come si nutre

Al di là della sua forma che ha reso tanto famoso l’Urechis Unicinctus, sono diverse le curiosità che riguardano questa tipologia di verme marino. Infatti è un animale che preferisce i fondali sabbiosi molto diffuso nel continente americano e asiatico.
Inoltre ha un ruolo fondamentale per l’ecosistema, dato che è una specie detrivora, ovvero si nutre di piccoli molluschi presenti sul fondo e in decomposizione oppure di plancton.

Se si vuole scoprire in che punto del fondale si trova un pesce pene, si dovrà cercare un piccolo monticello di sabbia con all’estremità una sostanza densa simile a una medusa in decomposizione che è il suo muco.
Infatti questo verme scava delle tane a “U” nella sabbia, posizionandosi in modo da aspirare l’acqua da un lato e catturando con la sua azione il nutrimento.

Un animale che rimane quasi sempre nascosto sotto la sabbia, considerato molto prelibato per gli uccelli marini, le razze, le lontre e gli squali.

Urechis Unicinctus: uno strano animale nella cultura moderna

La forma particolare del pesce pene, anche se solo recentemente è diventato virale sui social, è in realtà un qualcosa di conosciuto nel mondo asiatico già da tempo.
Per alcune culture la forma caratteristica che ripropone il glande maschile ha spinto a considerarlo come un alimento che potesse avere delle caratteristiche afrodisiache incentivando la libido e il desiderio.
Inoltre viene spesso utilizzato come base di cure naturali per contrastare i disturbi legati all’impotenza. Anche se oggi non vi sono prove certe su quali possano essere realmente gli effetti sull’organismo umano, il pesce pene comunque mantiene il primato di essere uno degli animali più strani presenti sul Pianeta.

Categorie: News